Tirocini Curriculari

Il tirocinio curriculare è indicato nel piano di studi e fa maturare i crediti formativi in esso indicati.

Il tirocinio curriculare è svolto presso Imprese e Enti convenzionati. Con il tirocinio gli studenti hanno l’opportunità  di conoscere diverse realtà del mondo del lavoro,  di vivere direttamente i problemi che li caratterizzano, di fare esperienza con il tutor d’impresa dei processi, degli strumenti e delle tecniche che caratterizzano il contesto lavorativo in cui sono inseriti.

Per ogni tirocino è attivato un progetto formativo, nel quale sono indicati gli obiettivi formativi, il dettaglio delle attività che saranno svolte con la supervisione del tutor aziendale, che lo controfirma e si assue la responsabilità della sua corretta gestione, gli impegni temporali richiesti. Prima dell’inizio del tirocinio sarà fornita l’informazione e la formazione necessarie ai fini della prevenzione dei rischi sul luogo del lavoro e tutti gli adempimenti connessi al rispetto delle norme sulla privacy e sulla riservatezza.

I tirocini sono organizzati e controllati dal Coordinatore didattico del corso di laurea, come tutor universitario,  che ne segue l’andamento, attestandone al termine la sua validità formativa, insieme al tutor aziendale che ne ha seguito il percorso formativo e ne controfirmerà i risultati attestanti la sua validazione.

Tirocini non curriculari

I tirocini non curriculari sono promossi dalla SED per i soli laureati, in base  alle disponibilità acquisite da Imprese ed Enti, e devono essere attivati esclusivamente entro  i primi 12 mesi dalla laurea.

I tirocini extracurriculari sono regolati dalle disposizioni introdotte dal Decreto legge 138 del 13 agosto 2011, art. 11 convertito nella Legge n.148 art. 11 del 14 settembre 2011. La durata del tirocinio non può essere superiore a 6 mesi  e può concludersi anche dopo la scadenza dei 12 mesi dalla laurea. Alle persone riconosciute svantaggiate ai sensi della Legge 381 del 1991, la durata massima del tirocinio è di 12 mesi; nel caso le persone siano portatrici di disabilità, ai sensi dell’art. 1, comma 1 dell legge 68 del 1999, la durata del tirocinio extracurriculare può durare fino a 24 mesi.

L’impresa o l’Ente che ospita il tirocinante deve corrispondergli una indennità che varia da regione a regione, con un minimo stabilito di 300,00 euro mensili lordi.In Toscana l’indennità lorda mensile è stata stabilità in euro 500.00.

I tirocini non curriculari sono attivati in base alla convenzione tra i soggetti previsti dalle normative vigenti, ovvero Aziende/enti e i laureati.